Tu sei qui

La storia

Verbali dalla fondazione

13-06-1884

Si approva il rendiconto con un attivo di £ 5.539,94 e si forma una commissione per l’acquisto del terreno per il nuovo locale.

10-09-1884

Si delibera una sottoscrizione a favore dei danneggiati dal morbo colerico della città di La Spezia.

28-09-1884

In vista di una possibile invasione colerica la Società mette a disposizione i locali per un comitato di salute pubblica e si aggiunge la cifra di £ 500.

Il socio onorario Cereseto Luigi offre una obbligazione di £ 1.000 (mille lire) e si delibera di dare £ 5 al giorno ai soci che fungono da infermieri.

18-04-1885

Si delibera con maggioranza il prelievo di £ 2,500 dalla Cassa di Risparmio di Genova per l’acquisto di 700 mt di terreno per la sede sociale.

01-08-1886

Si assicura il fabbricato per la somma di £ 13.000.

02-03-1887

Si delibera di inviare ai colpiti dal terremoto un quintale di pasta aprendo una sottoscrizione e si invia un vaglia postale ai  militari di £ 6,85.

21-01-1889

Si delibera di dare £ 20 al notaio Poire per insegnare agli elettori a votare.

04-07-1889

Si costituisce la banda Musicale.

26-10-1889

Si delibera un acconto di £ 1.000 (mille) al Sig. Ottonelli G. e mandare ai soci militari £ 10.

22-11-1889

Si delibera nelle serate invernali le scuole serali per l’insegnamento ai soci stessi.

14-10-1891

Si delibera una somma di £ 7 ad un povero operaio di passaggio con famiglia e pagare il pranzo alla Trattoria Nazionale per 5 persone la somma restante di

04-12-1892

Si respinge l’offerta fatta dagli esercenti di votare Raggio perché i soci sono liberi di votare come credono.

18-08-1895

Si delibera di dare £ 5 per l’indennità ai 3 soci che si recano a Busalla per costruire il loro locale nuovo e si acquistano 12 obbligazioni della società Liberi Operai l’importo è di £ 120.

22-12-1897

Si delibera di pagare 5 notti alla donna che ha assistito il socio Martino F. nei suoi ultimi momenti di vita e di 7 lire per un mese di affitto dove alloggiava.

24-09-1900

Si concede la sala a Rebora G.B. per una conferenza sulla legge riguardante il lavoro delle donne e fanciulli minori.

24-10-1902

Si mandano 50 lire agli scioperanti del porto di Genova.

28-10-1902

Viene approvata la proposta di istituire una scuola serale preparatoria per aventi diritti di essere elettori.

02-04-1908

Il consiglio si fa interprete della popolazione contro gli eccidi impunita dal governo                            

17-04-1908

Si mandano £ 250 alla camera del lavoro di Parma per il latte.

03-01-1909

Si delibera di mandare lire 300 a terremotati della Sicilia.

23-04-1909

Si festeggia il 1° maggio e comizio contro il dazio sul grano.

24-05-1910

Si prende parte alle elezioni comunali votando la lista di minoranza.

09-09-1910

Presa visione dell’articolo del giornale Cattolico il Cittadino in merito al funerale in forma civile della socia Pittaluga Adele si delibera di contestare facendo risultare le inesattezze.

04-05-1911

Di comune accordo si stabilisce col dottore di vaccinare i bimbi dei soci e non soci.

29-08-1911

Si delibera di costruire bagno e doccia nei locali; le tariffe sono le seguenti: cent. 30 per soci, cent. 50 per i non soci, cent. 10 per il custode per pulire.

14-11-1911

Fare una festa; l’incasso andrà ai reduci e caduti in Africa.

25-05-1912

Data lettura ad un invito del Comune a partecipare alla festa dei reduci della Libia dato i criteri nazionalistici di aderire al felice ritorno dalla guerra, ma di astenersi alla manifestazione coreografica che avrà luogo nel paese.

12-11-1912

Si concede un libretto del Tranvai per recarsi per cure e pagare 6 notti di veglia ad un socio molto ammalato.

08-06-1913

Forte dibattito se allearsi con la Società Cattolica nelle prossime elezioni comunali per abbattere la borghesia.

Si propone uno schema per i candidati: 1° Riforma Tributaria – 2°  Sussidio dal Comune per le SOMS -  3° Igiene – 4° lavori pubblici – 5° Questione Ospedaliera – 6°Riordinamento scolastico – 7° Servizi pubblici.

19-09-1913

Si discute se la Società debba interessarsi di politica o solo mutuo soccorso; dopo lungo dibattito si delibera che la Società, in coerenza ai principi democratici, deve partecipare alle lotte politiche ed amministrative affermandosi sui principi democratici.

21-12-1915

Il consiglio delibera la quota di lire 10 ai soci militari ai caduti lire 200 ai famigliari.

25-09-1917

Si delibera di mandare al socio Rossi Angelo, che si trova prigioniero in Austria, alcuni medicinali essendo malato, non potendoli avere in prigionia.

15-12-1917

Si contribuisce con lire 100 al comitato profughi e lire 10 a tutti i soci militari.

09-11-1918

Letta la lettera del Sindaco per intervenire al corteo ma visto il carattere del ricevimento contrario ai nostri principi, si delibera di non prenderne parte.

22-04-1921

Il Presidente spiega le ragioni per potersi difendere con l’aiuto di tutti da aggressioni fasciste (contro) il nostro patrimonio.

10-05-1921

Elezioni del 15 c. m. dopo molte discussioni si delibera che i partiti in lotta per i nostri ideali sono P.S. e P.C. aggiungendo che le lotte fra partiti operai sono un grave danno alla classe operaia.

03-10-1921

Il socio P.A. viene considerato vittima politica essendo in carcere a norma di statuto art. 16 viene corrisposto un sussidio giornali erodi £ 1,50 per la durata della pena.

11-03-1922

Si riconoscono vittime politiche i soci Ferrari M. e Bertani P. carcerati per scioperi attentati alla libertà del lavori art. 16.

24-10-1925

Si delibera di contribuire alla sottoscrizione Nazionale (pro Dollaro) con 4 dollari.

15-12-1927

Si delibera di offrire 15 litri di vino ad un reparto di soldati di passaggio ed alloggiati nel paese per alcuni giorni.

08-03-1928

Si è sciolto il consiglio per ordine Prefettizio e viene nominato P.C. prenderà in consegna tutto il patrimonio.

12-03-1928

Si delibera per ordini superiori l’acquisto dei ritratti del Re, Mussolini, Storace.

15-03-1928

Il socio capo famiglia disoccupato non perderà il libretto se non paga la quota.

24-03-1931

Si partecipa con vessillo alla cerimonia per la posa della prime pietra dell’Ospedale Gallino.

24-01-1934

Si ordina con circolare di comprare l’equipaggiamento per Balilla Moschetterie £ 85.000.

17-08-1934

Si acquista pianoforte £ 1.700.

09-11-1935

Si rettifica l’art. 1 dello statuto sociale con nome S.M.S. Cesare Battisti; si dà lettura della lettera del federale che apprezza il nostro lavoro mutualistico.

27-03-1943

Dato il divieto di assembramenti e coprifuoco esteso alle 9 di sera, le riunioni saranno sospese.

03-08-1943

Poiché il giorno 25/07 il regime fascista è stato da S. M. il Re dichiarato decaduto, cosa cha ha suscitato nei componenti della Soc. la più grande soddisfazione, si è provveduto a togliere le iscrizioni murali fatte dal passato Reg.

28-09-1943

Si rende noto che le F. A. tedesche hanno arrecato i seguenti danni : forzate le porte ambulatorie, segreteria e tagliato il telefono.

07-12-1943

Si decide di fare richiesta alla Prefettura di Genova per l’affitto dei locali occupati dai tedeschi.

I presidenti




1872 ALBANI GIORGIO  
1885 MASNATA LORENZO  
1886 BINATTO ANGELO  
1888 BADINO CARLO  
1891 CAMBIASO LUIGI  
1892 BADINO CARLO  
1894 TRIVERA OTTAVIO  
1898 CAMBIASO LUIGI  
1906 BENSI GIACOMO  
1908 RIVARA GIAN BATTISTA  
1910 BOVIO MATTEO  
1910 SPERANZA LUIGI  
1911 DONATO ANTONIO  
1911 BORIS MATTEO  
1912 NICOLAS SOLFERINO  
1913 BONIS MATTEO  
1914 BADINO CARLO  
1917 FRASINETTI ALESSANDRO  
1919 CAMBIASO GIOVANNI  
1920 CONTINI BRINGIO  
1921 MORI PASQUALE  
1927 PORZIO ANDREA  
1928 COMMISSARIO PREFETTIZIO  BRESCIANI
1931 CURLETTO DAVIDE  
1938 PEDEMONTE LUIGI  
1939 BELLI ERMILIO  
1941 REMILLI ALESSANDRO  
1945 CAVANNA GIUSEPPE  
1947 PRAZZOLO NATALE  
1948 GHIGLIONE GIOVANNI  
1949 REPETTO MARIO  
1958 TENTI LUIGI  
1964 REPETTO PAOLO  
1965 TENTI LUIGI  
1966 REPETTO PAOLO  
1968 PESCE GIACOMO  
1971 ARMIROTTI LUIGI  
1977 RAZZUOLI PASQUALINO  
1990 BOARETTI LUIGI  
2005 ARMANO STEFANO  
2008 CECCHIN CLELIA